Al fianco di Cenerentolɘ! Confermato il minitour in Lombardia

“Non temerai i terrori della notte”

Il covid-19 è più contagioso di notte? Pare di sì. Il presidente della Lombardia seguendo questa intuizione ha anticipato tutte le forze che governano le altre regioni e la nazione intera, ha dribblato la falsa credenza che potesse essere in qualche modo utile rivedere l’organizzazione e destinare fondi, spazi e forza lavoro alla sanità pubblica e ha puntato le sue fiche sul provvedimento che sempre si è dimostrato efficace in ogni situazione bellica: il coprifuoco. É indubitabile: è la sola misura che ci preserva dal contagio illecito. Continua a essere lecito invece lo scambio di virus sui posti di lavoro e sui mezzi pubblici affollati.

Boutade a parte, c’è aria di serrata e dalle ventitré tuttɘ a casa. Parliamo un secondo dell’orario? Manco mezzanotte, le ventitré! È chiaro, è una misura anti-Cenerentola. Le sorellastre mantenute ci vanno lo stesso al ballo, la sottoproletaria e senzadiritti Cenerentola, invece deve chiedere alla fatina una magia diversa, che le cambi orario e condizioni di lavoro e le permetta di godere del conforto delle sue amichɘ e dei suoi amichɘ.  Continue reading

Posted in Appuntamenti, Considerazioni | Tagged , , | Leave a comment

Con tutto il cuore. Raccontino in cui si evidenzia che Mark Fisher ha ragione quando parla di confluenza fra capitale e burocrazia

no, non faccio la rappresentante di frullatori e sì, devo mettere a posto e pulire il piano della cucina

Stamattina sono andata in uno di questi grandi centri che vendono elettrodomestici. Sono arrivata qualche minuto prima dell’apertura, ma non mi è pesato aspettare. Avevo con me La linea d’ombra di Conrad che, ripescato quasi per capriccio, si sta rivelando provvidenziale per accompagnare certe riflessioni.
All’aprirsi delle porte sono entrata. Ho perso quindici minuti buoni nel settore stereofonia, ad accarezzare il sogno di prendermi un giradischi e ricominciare ad ascoltare vinili. Senza entrare nel feticismo, l’esperienza d’ascolto è diversa, la riproduzione di materiale digitale è smaterializzata. I vinili, le musicassette, in una certa misura persino i compact disc, restituiscono l’idea che la musica sia ancora fatta da corpi in movimento. E poi, mi piace quella cosa che passati ventitré minuti al massimo vai a girare il disco. La playlist digitale può diventare sottofondo, pappa indistinta, mentre i giradischi e i riproduttori di cassette senza autoreverse ti costringono periodicamente a valutare che cosa stai ascoltando e a chiederti se vuoi ascoltare ancora, se preferisci il silenzio. Continue reading

Posted in racconti | Tagged , | Leave a comment

The autumn leaves (che stanno su però). Le date autunnali

In primavera il lockdown ha seccato le date del mio tour (e di tutti i tour di chi va in tour, mal comune niente gaudio) come foglie d’autunno. A ‘sto giro speriamo si trasformino in aghi di ginepro che sono puntuti resistenti e stiano su. Incrociamo le dita. Pungiamocele anche un po’. Per l’autunno infatti ci sono un bel po’ di date confermate.

Juniperus communis (Fonte Wikipedia, che le foto dei ginepri del Moncuni che ho fatto io non le trovo più)

Comincio la prossima settimana con quattro uscite in fila in Lombardia. Continue reading

Posted in Appuntamenti | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Se toccano un* toccano tutt*. In solidarietà ad Alegre

“La buona educazione degli oppressi”, uno degli strumenti indispensabili forniti da Alegre in questi anni.

In autunno uscirà una nuova edizione di Tra le rose e le viole di Porpora Marcasciano. È un libro importantissimo nella mia storia personale. Lo lessi a ridosso dell’avvio della mia transizione medicalmente assistita, me ne feci arrivare una copia dell’edizione del 2002 (Manifestolibri) con un prestito interbibliotecario. Lo lessi con l’urgenza di chi prenda un antidoto a un veleno, con l’intento di addomesticare le ansie che si scatenavano in me in quel momento. Un testo dunque che spinge ad azioni personali e le sa accompagnare, ma anche un libro fondamentale nella ricostruzione della storia delle persone trans in Italia e che meglio di altri sa raccontare che i modi di essere trans sono tutti diversi, uno per ogni persona. Il merito di rimetterlo in circolazione è di Alegre.

Vi racconto qui solo questa storia e mi limito a menzionare di volata il fatto che Continue reading

Posted in Comunicazioni | Tagged | Leave a comment

Impressioni (quasi) di settembre. (Segnalazioni, brevi recensioni, date)

Settembre è il mese più bello nel Piemonte occidentale. Io per me non ho dubbi. Né troppo freddo, né troppa afa, il cielo spesso è terso. Sarebbe il momento migliore per una viandanza a piedi o per tornare in cima al Rocciamelone, come mi ripeto ormai da troppo tempo.

Invece no, difficilmente riuscirò a gustarmi queste piacevolezze – questo mi evita la preoccupazione di procurarmi dei sandali da trekking nuovi! – il mio corpo e la mia attenzione saranno chiamate altrove. Provo a farmene una ragione e mi affaccio al nuovo mese segnalando alcune delle parole che ho incontrato (e detto) in quello precedente. Continue reading

Posted in Appuntamenti, Recensioni | Tagged , , , | Leave a comment